I nostri ospiti ci chiedono sempre più spesso quali siano i luoghi da visitare a piedi dalla nostra struttura, La fonte di Montebuono. 

Con la rinnovata attenzione all’ecologia e ai consumi, molte persone in vacanza preferiscono ridurre al minimo l’utilizzo dell’auto e dei mezzi in generale, a favore di passeggiate a piedi o in bicicletta. Ed è per questo che molto spesso, invece di prendere l’auto ed andare al lago, molti ospiti decidono, zaino in spalla, di andare a farsi un paio d’ore di camminata in mezzo alla natura.

Trovandoci fra le colline umbre, in campagna, si pensa che non ci siano validi luoghi d’attrazione raggiungibili comodamente a piedi. Invece le zone intorno al nostro agriturismo offrono diversi luoghi per cui vale la pena spendere una mezza giornata passeggiando.

Per rendere chiaro il nostro pensiero sul ”visitabile a piedi” avvisiamo che prenderemo in esame luoghi che sono a non più di 3 Km di distanza dalla struttura, per ciò con una camminata totale massima di 6 Km ritorno compreso. Inoltre, indirizzando quest’articolo a tutti i nostri ospiti, sceglieremo strade e sentieri facilmente percorribili anche per chi non è in allenamento o in forma.

Vediamo quindi alcuni luoghi da visitare a piedi dalla nostra struttura, La fonte di Montebuono:

Paese di AgelloAGELLO

Agello è un piccolo paese a 15 km da Perugia, raggiungibile a piedi dalla nostra struttura percorrendo meno di 3 Km. Oltre ad essere il luogo più vicino per i beni di prima necessità, è anche l’esempio del tipico paesino umbro tradizionale. Costruito sulla cima di una collinetta infatti, ha organizzato la sua architettura tramite piccole mura di contenimento in pietra, fuse perfettamente con i campi circostanti.

I principali luoghi da vedere in questo paese sono: il Castello del XII secolo che si eleva sul paese, la Chiesa di S. Donato del XI secolo e la Via Crucis di Giovanni Paolo II.

IL MONUMENTO AI CADUTI CIVILI DI MONTEBUONO

A poco più di un Km dalla struttura si trova questo monumento storico ai caduti civili di Montebuono. In memoria dei contadini che nel 1944 si schierarono contro gli invasori Nazi-fascisti in ritirata, il monumento sottolinea come non solo l’esercito, ma anche semplici civili, hanno contribuito alla liberazione dell’Italia. Costruito in bronzo e pietra e circondato da pini, il monumento riporta i nomi di tutti i contadini caduti.

IL LAGO TRASIMENORaggiungere a piedi il Trasimeno

Tra i luoghi da visitare a piedi da La fonte di Montebuono, non poteva mancare di certo il protagonista del turismo della zona: il lago Trasimeno. A soli 3 Km dalla struttura, si trova la riva più vicina del lago, in cui tra l’altro si possono noleggiare dei comodissimi Quad. Inutile raccontare le mille meraviglie del lago, sappiate solo che raggiungendolo a piedi anche il viaggio sarà un piacere, fra campi e vigneti del luogo.

MONTE PENNAVisitare a piedi il Monte Penna

Il monte Penna è esattamente il monte su cui sorge la nostra struttura. Difficile da trovare persino sulle mappe, basterà risalire la collina dall’interno della struttura, attraversando tra l’altro i nostri splendidi uliveti, per arrivare esulla cima del monte e trovarvi una vista mozzafiato sia verso il lago che su Perugia. Per gli appassionati si trovano inoltre delle rovine del XV secolo. Non una camminata semplice come le precedenti ma sicuramente percorribile da tutti.

 

Se ti è piaciuto l’articolo, lascia un commento con le tue impressioni sui luoghi, altrimenti facci sapere se ci sono altre attrazioni che non conosciamo nei pressi della nostra struttura!

 

 

 

 

 

Se c’è una regione che non ha nulla da temere quando gli si presenta una sfida gastronomica, questa è sicuramente l’Umbria. La nostra regione, ”cuore verde d’Italia”, ha davvero una varietà di prodotti e ricette tipiche che meriterebbero un posto in qualche classifica gastronomica nazionale. In questa sede però ci concentreremo sui prodotti che hanno costruito la loro fama intorno al Lago Trasimeno.

Vediamo quindi, quali sono i prodotti gastronomici del Lago Trasimeno da assaggiare almeno una volta nella vita:

Olio

Olio extravergine del Trasimeno

Olio extravergine DOP ”Ziraiolo®”, della società Agricola La fonte.

Iniziamo sicuramente con il cavallo di battaglia, con il protagonista delle colline umbre e toscane, con l’oro giallo d’Italia: l’olio.

Per far capire l’entità della produzione umbra, si stima che nella regione ci siano circa 30.000 ettari di uliveto e un numero cospicuo di frantoi. Ma sicuramente il dato che più fa riflettere sono le certificazioni DOP, molto difficili da ottenere, presenti sul territorio: sono ben 8.000 nella nostra regione.

La particolarità dell’olio del Trasimeno è quello di avere un ambiente naturale perfetto. La menzione geografica “Colli del Trasimeno” infatti, assicura che gli uliveti ricevano vento e umidità dal lago che gli donano delle note particolarissime. Le varie specie di olivi coltivate hanno in comune un sapore fruttato con retrogusto amaro. Da provare assolutamente.

 

Vini del Trasimeno

Una degustazione di vino in mezzo ad un vigneto

Vino

Il vino è un altro prodotto della terra sicuramente famoso in Umbria. Sempre grazie alle peculiarità dei terreni lacustri, il vino prodotto in queste zone ha delle note molto particolari. Che sia bianco, rosso, fermo o mosso,  le viti che crescono in queste zone sono certificati dalla Denominazione di Origine Controllata Colli del Trasimeno, che ne assicura la qualità. I prodotti sono indiscutibilmente di alta qualità ma soprattutto unici, in quanto terreni calcareo-argillosi e collinari come quelli che circondano il lago, non sono semplici da trovare in altre zone italiane. Esperienza da provare insieme al vino è quella della ”Strada del Vino”: vari percorsi fra cantine e vigneti locali vi faranno scoprire la lavorazione dell’uva come da tradizione umbra.

 

Fagiolina del Trasimeno

Un buon piatto di fagiolina del Trasimeno agli odori

Fagiolina del Trasimeno

Alimento sconosciuto ai più, la Fagiolina è forse uno dei prodotti più particolari e ricercati del Trasimeno. In realtà questo piccolo legume (somiglia ad un fagiolo, ma più piccolo) è frutto di un’importazione durata millenni. Furono infatti gli egiziani a coltivarla su grande scala, fino ad arrivare a noi e stabilirsi sulle coste del nostro meraviglioso Trasimeno. Ora la Fagiolina è conosciuta a tutti i grandi chef, che ne preparano piatti golosi e di alto livello, ma le ricette tradizionali la vedono mangiata lessa come un normale legume, o accompagnata a qualche buon pesce di lago.

Per mangiarne di ottima consigliamo L’angolo del buon gustaio, un’enoteca molto tipica a Castiglion del Lago.

 

Zafferano di Città della Pieve

Un banco del mercato dello zafferano di Città della Pieve

Zafferano

Si hanno delle fonti che attestano la presenza di coltivazioni di zafferano a Città della Pieve già dal 1200. Di certo 800 anni di perfezionamento sono più che sufficienti per comprendere un prodotto e portarlo alla sua massima qualità. La creazione nei primi del 2000 di un consorzio ad hoc, ha permesso la massima crescita del prodotto, controllandone filiera e qualità e assicurandone la consegna in tutto il mondo. La “Zona di Produzione” infatti, che si estende dall’alto Orvietano al Lago Trasimeno e che comprende per intero i terreni dell’ovest dell’Umbria, offre uno zafferano dal gusto particolare, differente da tutti gli altri.

 

Pesce di lago Trasimeno

Pesce di lago alla griglia

Pesce di lago

Ultimo ma non ultimo nella nostra lista è sicuramente il prodotto dirette dell’acqua del Trasimeno: il pesce di lago. Non ci riferiamo ad una specie particolare, bensì a tutti i pesci pescati nel bacino del Trasimeno, che hanno in comune un sapore tipico del pesce, ma senza la sapidità che lo caratterizza.

Alimento che spaventa i più schizzinosi, in realtà il pesce di lago può essere cucinato davvero in tanti modi, per essere piò o meno prevalente nel piatto e avvicinarsi a molti ingredienti saporiti. Il nostro consiglio è quello di andare su uno degli innumerevoli ristoranti sulle rive del lago e lasciarvi consigliare dalla chef. Non ne rimarrete delusi.

Questi erano secondo noi i prodotti gastronomici del Lago Trasimeno da assaggiare almeno una volta nella vita. Sappiamo che ci sono grandi assenti, come la torta al testo, tipica piadina umbra, la ciaramicola o gli affettati. Come affermato all’inizio dell’articolo però, abbiamo considerato solo i prodotti che hanno la loro forza o radici sulle sponde del lago.

Se nel frattempo state cercando un agriturismo in cui alloggiare per organizzare il vostro viaggio sul Trasimeno, vi consigliamo La fonte di Montebuono, un agriturismo produttore di olio DOP con piscina e splendidi appartamenti.

Vi è piaciuto l’articolo?

Condividetelo sui vostri social e diteci secondo voi, quali sono i prodotti gastronomici del Lago Trasimeno da assaggiare almeno una volta nella vita?